Saturno

A partire da gennaio 2015 abbiamo iniziato la pubblicazione di schede dedicate ai Luminari (accezione indicante i Pianeti del Sistema Solare) che seguiranno una scansione cronologica ben precisa, andando a “celebrare” via via, secondo lo sguardo astrosofico, la congiunzione di un Luminare con il Sole: oggi celebriamo Saturno in congiunzione col Sole. Nell‘articolo pubblicato nel febbraio 2014, cui si rimanda, sono state evidenziate e spiegate le singole voci che compongono le schede: ad ogni “appuntamento” celeste, pertanto, siamo chiamati a rivolgere gli occhi al Cielo e a costruire un ponte tra noi e il Luminare, irradiante fonte di energia qualificata.

RoerichLibroVita

(Citazioni estratte da:
– Alice A. Bailey, Trattato dei 7 Raggi. Psicologia esoterica I, Astrologia esoterica, Guarigione esoterica, Trattato del fuoco cosmico
– Helena P. Blavatsky, Dottrina segreta vol. I, II e III
– Enzio Savoini, Calendario 1992, 1996, 1997, 1999, scritti inediti
Il Sistema solare nello spazio, testo inedito, 1993, riscritto 1999
L’uomo sul pianeta e nel cielo, testo inedito, 1998)

Raggi e Gerarchie

Chronos 2Nell’attuale sistema solare, Saturno, Luminare sacro (ossia attestato a livello dell’Anima), è veicolo dell’energia indicata come 3° Raggio, connesso all’Intelligenza attiva.
La triade di schemi planetari di Saturno, Marte e Terra rappresenta nel sistema solare il Terzo Aspetto o Raggio, collegato all’evoluzione della Materia tramite la sensitività; è solo in questi tre schemi evolutivi che vige la legge del dolore quale iniziale resistenza della materia all’azione purificante dello spirito (Secondo e Primo Raggio).

Il 3° Raggio esprime l’opera della corrispondente Terza Gerarchia creativa manifesta (uno dei sette modi di manifestazione del Logos solare), veicolata per l’evoluzione umana dal rapporto Libra-Saturno. Tra le 12 Gerarchie creative o ‘unità di vita’ che formano il corpo di espressione del nostro Logos solare, Essa è l’Ottava Gerarchia (la quinta dal basso), i Costruttori minori, i Formatori, i triplici fiori, connessa al 3° Piano atmico e associata al III Raggio sistemico dell’Intelligenza attiva: è la forza della mente (Jnanashakti) di questi Esseri solari che, nel nostro caso, costruisce il triplice Loto egoico o sede dell’Anima:

“Saturno qui presiede a quella stupenda Gerarchia creativa che è uno dei tre massimi gruppi di Costruttori, parte del terzo aspetto della Trinità. Essi hanno lo scopo di dare forma ai Figli della Mente e quindi offrire loro occasione di sacrificio e di servizio. Lo studio della relazione che intercorre fra questa Gerarchia e quella degli ego umani, la quarta, è illuminante…”

Il Signore d’Intelligenza attiva [3° Raggio]. La Sua opera è più intimamente connessa alla materia, e coopera con il Signore del secondo raggio. È l’impulso motivante, all’inizio della creazione. Suo corpo d’espressione entro il sistema solare è il pianeta Saturno, e tramite la materia (che in modo benefico ostruisce e ostacola) fornisce all’umanità un vasto campo d’esperimento e di esperienza”.

La seguente indicazione (valida per l’attuale ciclo del Grande Zodiaco di circa 25.000 anni) illustra come le energie del , 3° e 7° Raggio giungano al Sistema solare anche attraverso la mediazione di Saturno:
I. Volontà o potere, III. Intelligenza attiva e VII. Ordine cerimoniale
Capricornus: Reggitore exoterico Saturno e Reggitore esoterico Saturno

 Rapporti cosmici

“Il nostro sistema solare ha polarità negativa rispetto al sole Sirio, che lo influenza psichicamente attraverso i tre schemi di sintesi, Urano, Nettuno e Saturno, di cui quest’ultimo, Saturno, è il punto focale per la trasmissione del Manas cosmico a tutti i sette schemi”.

Ogni Pianeta o Centro solare è strettamente collegato ad una o più delle “tre intime costellazioni” che determinano e guidano l’evoluzione del sistema solare (Orsa maggiore, Sirio e Pleiadi).

“(…) tre gruppi di triangoli che ora sono molto importanti per l’umanità (…). Da essi emanano energie che attraverso lo spazio giungono al singolo uomo, e pertanto non si possono ignorare:

Orsa Maggiore                                              Le Pleiadi                               Sirio
trasmettono energia che passa per:
Leo                                                               Capricornus                       Pisces
che la rinviano tramite:
Saturno                                                 Mercurio                              Urano
e giunge a questi centri:
Centro della Testa Planetario    Centro Ajna Planetario    Centro del Cuore Planetario
donde si dirama ai
Centro della Testa del Discepolo  Centro Ajna del Discepolo  Centro del Cuore del Discepolo
ed infine controllano:
La base della spina dorsale          il centro della gola                   il plesso solare”.

“Il Triangolo cosmico principale [Orsa Maggiore, Sirio, Pleiadi] opera oggi soprattutto tramite sei costellazioni, e — sempre in questo momento — quella costellazione e le due energie zodiacali si focalizzano in un pianeta particolare, che le riversa sulla Terra:

TriangoloCosmicoQuesti sei influssi favoriscono assai lo svilupparsi dell’autocoscienza, e, in seguito, della coscienza spirituale, in chi si è riorientato sulla Grande Ruota. (…) Si può dunque asserire che le forze di:

  1. Cancer-Capricornus-Saturno (che esprimono l’energia di Sirio) rendono possibile all’aspirante di percorrere il Sentiero della purificazione, o della prova. Queste energie focalizzano e qualificano quella emessa dalla Gran Loggia dell’Altissimo su quel Sole remoto. Tramite la Gerarchia, esse piovono sulle moltitudini umane, e permettono alla unità, presente in quelle masse, di “isolarsi, voltare le spalle al passato e trovare la propria via su quel tratto di Sentiero in cui impara a sentire“.”

Rapporti sistemici

Saturno è lo schema [il settimo schema veicolante il III Aspetto e Raggio] che sintetizza i quattro pianeti che incarnano manas puro e semplice, ossia è lo schema maggiore in cui si risolvono i quattro minori ed infine tutti i sette”.

“Nettuno, Urano e Saturno assorbiranno l’essenza della manifestazione ed essi, in rapporto al LogosSchemaSaturno solare, corrispondono ai tre atomi permanenti nel corpo causale dell’uomo. Diciamo “corrispondono” perché l’analogia non vale nei dettagli. Urano e Nettuno sono i riflessi degli atomi Permanenti astrale e mentale logoici. Saturno è in realtà il corrispondente dell’atomo permanente fisico logoico (…) Esotericamente si ritiene che lo schema di Saturno abbia assorbito “i fuochi d’attrito dello spazio sistemico”, Nettuno è considerato il depositario delle “fiamme solari”, ed Urano come la dimora del “fuoco elettrico”.”

Reggenze e Rapporti zodiacali

Saturno (3° Raggio) è il Reggente exoterico ed esoterico di Capricornus ed il Reggente gerarchico di Libra.

Crono“Nel ciclo attuale, i raggi di Potere e Amore dirigono le loro energie a Vulcano e a Giove, mentre l’attenzione di Saturno [raggio dell’Intelligenza] è rivolta al nostro pianeta, la Terra”.

Saturno in qualità di Reggente exoterico ed esoterico di Capricornus:
“I reggitori planetari esoterici ed exoterici sono per Capricornus gli stessi, e Saturno vi controlla l’essere umano, sia durante il moto ordinario che inverso, sia sulla Croce Mobile che sulla Fissa. Dopo la terza iniziazione, e salito di suo proposito sulla Croce Cardinale, l’uomo si libera da quell’imperio, e passa sotto quello di Venere, reggitore di quella Gerarchia che è detta dei Coccodrilli”.

“…in questo grande segno iniziatico, Saturno svela il terzo aspetto divino, la sostanza intelligente”.

Saturno in qualità di Reggente gerarchico di Libra:
Saturno. Applica le prove, ed è eletto o invocato a farlo perché è di terzo raggio come la Terra. Le due note sono in sincronia. Saturno regge gerarchicamente Libra, e quindi reca alla manifestazione umana e alle varie gerarchie implicate, una crisi la cui chiave ed esito stanno nel riconoscere l’equilibrio. Questo pianeta controlla Capricornus in due campi di influenza o d’espressione ed è potente in tutti e tre — exoterico, esoterico, gerarchico (…) il segno dell’iniziazione si libra sul nostro pianeta e sul destino del singolo discepolo. La forza del terzo raggio si manifesta dunque secondo questo schema:

Schema3RaggioCiò rende chiaro ed evidente che oggi i segni dell’equilibrio e dell’iniziazione possono essere usati con intelligenza a produrre effetti in Terra, e invariabilmente lo faranno.”

Saturno è esaltato in Libra:
“In Libra, Saturno è esaltato, poiché — conseguito l’equilibrio — nascono occasioni e situazioni che rendono inevitabile una scelta e una decisione. Queste devono essere prese con intelligenza e a livello fisico, nella coscienza cerebrale di veglia. L’intento totale e l’opera di Saturno a pro del genere umano può essere di utilità collettiva solo ora, poiché solo oggi l’umanità è giunta a un livello di intelligenza generale e diffusa, tale da fare di ogni scelta un atto definito e cosciente, implicante responsabilità. Prima d’ora solo pochi discepoli di avanguardia e pochi uomini intelligenti potevano considerarsi capaci di scegliere liberamente, nel “punto d’equilibrio”, da che parte far “pendere la bilancia”. Oggi sono innumerevoli, ed ecco l’intensa azione di Saturno mentre ci si inoltra nel primo decanato di Aquarius [retto da Saturno], anche perché oggi l’umanità stessa ha posto piede sul sentiero della prova”.

Saturno è in caduta in Aries:
Saturno “cade” in Aries. Il significato è duplice, perché il segno è duale. Primo: Saturno è il Signore del Karma, che impone la retribuzione ed esige l’estinzione totale dei debiti, e quindi condanna alla lotta per la vita, sia come forma che come anima. “Cadde”, pertanto, quando l’uomo cadde nella generazione. “Segui i figli degli uomini nelle loro basse regioni”. Secondo: Il potere di Saturno cessa del tutto, e la sua opera si compie quando l’uomo (spirituale) si è liberato dal Karma e dalle due Croci – Comune e Fissa. Esotericamente, non può seguire l’uomo sulla Croce Cardinale”.

Saturno è in esilio in Cancer:
Saturno in Cancer promuove gli scopi e gli intenti delle energie principali, cioè il raggio dell’Armonia tramite conflitto (Luna e Mercurio) e di Nettuno, poiché in questo segno Saturno è in detrimento e perciò causa quelle condizioni e situazioni difficili che suscitano la battaglia necessaria. Tutto ciò fa di Cancer un luogo di prigionia simbolico, e pone in risalto i dolori e i rigori di un orientamento scorretto. Il conflitto fra l’anima e l’ambiente proseguito in modo conscio o inconsapevole provoca i castighi dell’incarnazione e provvede quelle sofferenze che l’anima spontaneamente accettò quando, a occhi aperti e con chiara visione, scelse la via dell’esistenza terrena, con i dolori e i sacrifici che comporta, per salvare le vite a lei affini”.

Saturno perde potere in Leo:
“In questo segno [Leo], nessun pianeta cade, e nessuno vi è esaltato, e solo Urano e Saturno vi perdono alquanto potere, tranne si tratti di un iniziato (…). La mente, simboleggiata da Urano, perde alquanto potere, poiché in Leo non è essa in realtà che governa, ma il Sé, l’Anima, che l’usa e la controlla. L’uomo allora non è più condizionato dall’ambiente o dalle vicende della vita, ma al contrario ne dispone in modo deliberato, e ne trae quanto gli occorre. Quindi Saturno, il Signore del Karma, diminuisce in Leo”.

Sagittarius e Capricornus, tramite la Terra e Saturno, sono legati al terzo Raggio. Il discepolo focalizzato diventa l’iniziato.

Rapporti tra Saturno, Venere ed Urano (come Reggenti di Libra):
“Urano, Venere e Saturno (mediante i Raggi che trasmettono) appartengono tutti, inoltre, alla linea principale di forza, quella della volontà o del potere, del proposito e dello scopo previsto.

  1. Urano – Settimo Raggio, della Magia cerimoniale. Dio Padre. Colui che connette. La Fonte del Dualismo. Colui che vede la fine sin dal principio. Coscienza spirituale. Dall’intuizione all’ispirazione.
  2. Venere – Quinto Raggio, della Mente. Dio Figlio. Il Figlio della Mente. Coscienza egoica. Dall’intelletto all’intuizione.
  3. Saturno – Terzo Raggio, dell’Intelligenza. Dio Spirito Santo. Colui che conosce. Mente. Coscienza umana. Dall’istinto all’intelletto”.

Saturno è in relazione con la Croce Fissa:
“La Croce Mobile determina condizioni che producono grandi periodi di mutamento nella vita del pianeta, dei regni naturali e degli uomini. Mercurio vi compie l’opera sua. La Croce Fissa provoca, come conseguenza di quei cambiamenti interiori, certe grandi punti di crisi, inevitabili ma cariche di opportunità vere e proprie. Saturno soprattutto l’ottiene. La Croce Cardinale causa grandi punti di sintesi, come effetto sia dei mutamenti che delle crisi. Giove è il pianeta che accentra le energie a tal fine”.

Corrispondenze

 Chronos“1. Saturno, padre degli Dei, è stato trasformato dalla Durata Eterna nel tempo limitato. (Dottrina Segreta I. 451).

  1. Jehova fu identificato con Saturno e Vulcano. (D.S. I. 632).
  2. Col tempo Saturno venne insultato da chi adorava altri Dei. (D.S. I. 631).
  3. Saturno fu connesso alla Lemuria. (D.S. II. 812).
  4. 5. Venere, Giove e Saturno possono essere considerati, per il momento presente, veicoli dei tre superprincipi. Mercurio, Terra e Marte vi sono strettamente connessi; ma si tratta di un mistero. (Fuoco cosmico 29).
  5. Venere, Terra e Saturno formano attualmente un triangolo molto importante:
  6. Viene vivificato.
  7. Cresce la capacità vibratoria dei suoi centri planetari e individuali. (F.C. 181. 182).
  8. Per qualche tempo il Logos solare ha volto l’attenzione alla Terra e a Saturno, mentre Urano è stimolato. (F.C. 357).
  9. L’occultismo deve vincere la battaglia prima che la nostra era raggiunga… il triplo settenario di Saturno del ciclo occidentale europeo — prima della fine del XXI secolo. (D.S. III. 23).
  10. Uno dei più potenti fra i sette Angeli creatori del terzo ordine è Saturno, genio che presiede al pianeta e Dio degli Ebrei… ossia Jehova… al quale è dedicato il settimo giorno, il Sabato, o giorno di Saturno. (D.S. III. 152).
  11. Il segno della venuta del Messia fu la congiunzione di Saturno e Giove in Pisces. (D.S. III. 152).
  12. Saturno fu chiamato il Drago della Vita. (D.S. III. 195).
  13. Saturno, Shiva e Jehova sono tutt’uno. (D.S. III. 195). (…)”

Saturno è il grande progettista delle Formule, che sono il preludio sottile dei processi di formazione concreta”.

Saturno amministra la Verità, che è Luce. E’ tale il suo splendore che è necessario proteggere quelle creature che non si sono ancora liberate dagli aspetti formali. Saturno perciò agisce come uno scudo ambivalente (i suoi anelli) che ripara sia dalla troppa luce sia dalla tenebra”.

 Saturno, il Legislatore, condanna le ingiustizie dei colpevoli e dei giudici. Non getta in carcere, nonSaturnoIntelligenzamotrice espelle, non perseguita, eppure non si sfugge ai suoi decreti”.

“Concentrare la mente su Saturno significa scrutare il nucleo dell’Intelligenza motrice del complesso solare. Da esso partono gli ordini e i piani graduati e sequenziali che realizzano il volere di Sole/Vulcano: è la vera centrale operativa della flotta spaziale. (…) Saturno… progetta e detta tutte le Orbite secondo il volere centrale, distribuendo le parti e i compiti in base a commensura. Nulla vieta di attribuire a questo Luminare (coronato dai suoi anelli) il merito dell’attuale disposizione del Sistema solare. Lo studio di Saturno, impostato in questo modo, mostra chiare le linee, le funzioni, le responsabilità dei vari Luminari, liberi eppure collaboranti con obbedienza per il Bene comune. Il piano generale apprestato da Saturno è, per così dire, approvato e accettato da quelle alte Intelligenze, ciascuna delle quali si impegna poi ad eseguirlo secondo ritmi e cicli conformi e rigorosi. Le evoluzioni che ciascuna elabora nella propria giurisdizione planetaria devono rispondere a scadenze e obiettivi maggiori, e il tutto dipende dalla legislazione promulgata e aggiornata da Saturno, terzo Raggio del Sistema. (…) Saturno dunque elabora e dispone il suo progetto sempre aggiornato e nuovo eppure inflessibilmente mirato alla Meta: ma il veicolo, il diffusore delle sue invenzioni è l’Orbita quinta. (…) questo Luminare è non solo il Legislatore ma anche il Progettista dello sviluppo solare. Si può anche dire che ne è il Navigatore, l’Ufficiale di rotta cui è demandato di stabilire le orbitazioni e quindi tutte le manovre della flotta astronavale, che le consentono di raggiungere in bell’ordine esatto le innumerevoli tappe predisposte per la traversata verso il Porto finale. Ciascuna di queste tappe però è una frazione spirituale del Piano, o della Meta comune, e dunque è intera. (…) Il terzo Luminare dalla sua quinta Orbita progetta insomma, per riassumere, il piano di volo di tutta la flotta; presiede alle retribuzioni karmatiche di tutte le creature, ossia amministra la giustizia solare. Figlio dell’Uno e del Due, svolge grandissime mansioni luminose; opera la sintesi fra volontà solare e amore spaziale, che è lo splendore dell’Intelligenza motrice. Ricevuti da Venere, i suoi ordini divengono esecutivi”.

SaturnoFormule“Tocca al Luminare [Saturno] di terzo Raggio “inventare” Formule dalla composizione sempre nuova, secondo la condizione corrente del Sistema solare e la Meta del grande Piano. L’ottiene irradiando nello Spazio le sue equitonali, che stimolano associazioni e forgiano catene sempre varie a connettere le Idee. Giove prepara le valli in cui scorrono i torrenti e i fiumi di Saturno. Il primo raccoglie e tiene assieme, il secondo irrompe con i suoni travolgenti delle sue creazioni. I progettisti umani sono sovente costretti a usare le risorse del luogo in cui sorgono le loro fabbriche, ma questo limite, talora severo, li stimola a soluzioni ingegnose, che risultano fedeli alla regione e in armonia con la sua natura. Saturno opera in modo analogo, poiché, nonostante l’immensità delle risorse spaziali, deve tenere conto delle “provviste” fornite da Giove di anno in anno [Giove sosta circa un anno terrestre in ogni Segno zodiacale]. (…) Giove dunque distribuisce nelle varie Orbite le qualità specifiche del segno o dello Spazio che solca; per contro Saturno lavora secondo gli impulsi tipici della regione zodiacale in cui viaggia. Amore e Intelligenza, concordi, danno nascita alla Luce. (…) Le equitonali di terzo Raggio che, emesse dall’Ideatore, tramite Saturno si irradiano nel mondo delle Idee, trasmettono impulsi di rinnovo e rinascita. Costituiscono un sistema sensibile, analogo a quello nervoso del corpo umano, che propaga ordini, disposizioni, stimoli luminosi. Le Idee sono vive e perciò pulsanti. Devono pertanto disporre di un sistema di centri che reagisca agli impulsi. Le equitonali di terzo Raggio, per quanto si può ora capire, hanno la funzione di adeguare l’assetto delle Idee agli incitamenti che Saturno emana nello Spazio. (…) Nel corpo fisico umano funzionano organi dal compito analogo, si è detto e si sa, ma ciò avviene solo perché nel mondo ideale ne esiste la controparte superiore e causante. Risalire dall’esame del corpo umano al suo modello celeste è perfettamente logico. Tutte le sue funzioni illustrano, meglio di tanti ragionamenti, quanto sia mirabile, complessa e coordinata la vita nel quarto FormePensieroLivello. La corrispondenza fra uomo e mondo ideale non si limita, naturalmente, alla corporeità fisica, ma implica anche le operazioni psichiche e mentali. Esiste dunque un parallelo fra la costruzione di una Forma-pensiero da parte di un uomo e la combinazione di una Formula per azione dei Luminari, e di Saturno, pensatore cosmico, in particolare. L’una è la controparte dell’altra, sebbene di diverso Livello. L’uomo, insomma, pensa perché Saturno pensa, e seppure ne sia del tutto inconsapevole pensa come vuole Saturno. Questi concetti sono semplici e facilmente comprensibili, ma non privi di rigore: per capire come funziona il Sistema solare è necessario e sufficiente pensare ciò che pensa il terzo Luminare, Maestro di pensiero. L’infinitudine delle Idee è il campo di pensiero di Saturno. I Pianeti sono suoi progetti manifesti”.

Saturno è in relazione al concetto di Karma:
Saturno è uno dei più potenti dei quattro Signori del Karma e costringe l’uomo ad affrontare il passato, e a prepararsi nel presente per il futuro. Questo è l’intento dell’occasione karmica. Per certi aspetti, Saturno è il Guardiano della Soglia planetario, poiché tutta l’umanità deve affrontarlo, così come l’Angelo della Presenza, per scoprire che entrambi sono quella dualità composita che è l’umanità stessa. Saturno lo rende possibile, essendo in peculiare connessione con Gemini. L’individuo umano lo scopre e affronta i due estremi mentre è in Capricornus; per la quarta e la quinta Gerarchia creativa [le Anime umane e le Personalità perfette] ciò occorre in Libra”.

Saturno è correlato al concetto di Iniziazione, in particolare alla quarta:
“(…) un discepolo sul sentiero è fortemente influenzato da Mercurio e Saturno, ma quando comincia a prepararsi alla prima iniziazione ha a che fare con il potere di Plutone e di Vulcano; la preparazione alla seconda iniziazione lo porta poi sotto l’influsso di Nettuno, mentre Venere e Giove se ne contendono il dominio. (…) Alla terza iniziazione la Luna e Marte lottano per predominare in lui, li è il suo campo di battaglia. Quindi, all’istante della Trasfigurazione, il corpo è “trasfigurato” in segno di trionfo. Alla quarta iniziazione, Mercurio e Saturno “traslano” il discepolo alle soglie della realizzazione”.

“(…) I discepoli sono fortemente influenzati da Mercurio e Saturno: l’uno apporta illuminazione, l’altro offre opportunità.

  1. Per ciascuna iniziazione, l’influsso dei pianeti agisce sul candidato in modo totalmente diverso che prima. Le energie delle costellazioni attraversano ciclicamente i centri planetari. (…) Alla quarta [iniziazione], Mercurio e Saturno apportano grandi mutamenti e rivelazioni, ma con effetti molto diversi dall’esperienza precedente”.

Saturno è correlato al sentiero del Discepolato:
Saturno. Quest’energia soprattutto appresta circostanze di opportunità per la Gerarchia e i suoi discepoli. Il detto per cui “Saturno è il pianeta del discepolato” è sostanzialmente esatto, perché l’uomo comune, se non in gruppo, non è soggetto al suo influsso in modo altrettanto potente. Poiché la Gerarchia — in quanto gruppo — è impegnata in una grande crisi di approccio a Shamballa, analoga a quella in cui si dibatte l’Umanità odierna, alla ricerca di contatto con la Gerarchia. Due crisi pertanto travagliano questa e quella, con reazioni reciproche, e — se superate a dovere — produrranno allineamento, o integrazione, e quindi afflusso molto più abbondante d’energia divina. Sono “approcci” (cioè “trazioni” magnetiche) entrambi condizionati da Saturno; sull’Umanità l’attrazione è esercitata dalla Gerarchia – senza la quale essa non è oggi in grado di superare la crisi, né di affrontarla correttamente”.

“Quando il discepolo sa che Saturno è il Dio che offre opportunità, e non lo vede soltanto come una fonte di calamità, vuol dire che marcia sulla via del discepolo in modo vero ed effettivo, e non solo teorico”.

Saturno è il pianeta che condiziona soprattutto quel grado di sviluppo in cui si fa possibile la scelta, il rifiuto o l’accettazione cosciente dell’occasione, quando l’assumere responsabilità personale diventa un fatto riconosciuto in una vita pianificata ed ordinata”.

Case astrologiche:
Saturno regge la 10^ casa co-significante di Capricornus e corrispondente alla carriera, al successo e alla vita sociale, all’autorealizzazione guidata da ambizione, tenacia e responsabilità o senso del dovere, agli onori e all’immagine pubblica, nonché all’autorità e alla figura genitoriale.
Su una voluta superiore corrisponde all’iniziazione, alla responsabilità spirituale, ai meriti karmici che guidano all’autorevolezza e alla maestria, nonché alla vita e alla coscienza di gruppo.

Centri:
SaturnoCentrogola
Saturno… nel corpo logoico occupa una posizione analoga a quella del centro della gola nel microcosmo”.

Analogamente, per quanto riguarda le corrispondenze con i centri energetici umani, in questo ciclo vitale dell’umanità si nota che Saturno ha la potestà sul centro della gola per quanto riguarda Discepoli e Iniziati, mentre non ha corrispondenze per i centri dell’umanità ordinaria.

“[Il centro della Gola] È retto da Saturno, così come Urano controlla il centro della testa e Mercurio l’ajna. Ma ciò vale solo per il discepolo; i pianeti reggenti sono diversi dopo la terza iniziazione e anteriormente alla prima. Quei tre pianeti compongono un triangolo di forza di grandissimo interesse (…)”.

Inoltre, “Il sistema endocrino è retto da Saturno“.

Regni:
Saturno, con Mercurio, è collegato per questo ciclo al Quarto Regno, quello umano:
1.Regno minerale…………… Plutone e Vulcano
2.Regno vegetale…………… Venere e Giove
3.Regno animale……………. Luna e Marte
4.Regno umano…………….. Mercurio e Saturno
5.Regno delle anime……….. Nettuno e Urano
6.Sintesi di tutti i regni……… Il Sole

“Un’altra vasta influenza si mostra nel colore che appare in tutto il regno vegetale, e ciò complica ancora il problema degli influssi di raggio. Il colore fondamentale, verde, denota il potere di Saturno. Esotericamente il regno vegetale è assai progredito sul sentiero del discepolato, e quindi ecco l’attività di Saturno e di Marte”.Saturnoverde

Simboli e Miti

In termini esoterici Saturno rappresenta la Legge di Economia, la 3^ Legge cosmica: questa si esprime a vari livelli ma in ogni caso rappresenta la linea di minor resistenza della Natura, che raggiunge il massimo risultato con l’impiego minimo di mezzi; in termini psicologici, tale funzionalità allo scopo o ‘corretta gestione delle risorse’ è il metodo attraverso il quale la maturità e la responsabilità di una coscienza vengono vagliate affinché dimostri di aver raggiunto il livello di “iniziazione” richiesto per poter procedere oltre nel cammino evolutivo, fino alla completa liberazione dall’imperio della materia.

Saturno è dunque il custode della porta iniziatica che si varca solo quando la coscienza è pienamenteSaturno individualizzata e capace di responsabilità sia verso se stessa che verso gli altri: in tal senso Saturno simboleggia il Signore del Karma e il Guardiano della soglia, poiché l’uomo può “varcare la soglia” solo quando ha pagato tutti i debiti ed è libero dalle illusioni della personalità. Non solo “punizioni” vengono elargite da Saturno, ma, in accordo con la Legge di causa ed effetto, anche ricompense: a seconda di come l’uomo ha gestito il rapporto con la materia e con i regni inferiori, potrà procedere liberamente o dovrà sottostare alla Legge.

L’astrologia ortodossa assimila Saturno alla forza restrittiva e deprivante della materia, simboleggiata dall’elemento Terra che raggiunge la massima concrezione nel Segno di Capricornus.
Il Luminare induce nella personalità una visione realistica delle cose e della vita che può essere definita pessimistica se la si contrappone alla trionfale fiducia solare o gioviana; lucida razionalità e ferrea logica sono due significative simbologie di Saturno che preludono ad un uso discriminante e rigoroso dell’intelligenza.
Rappresentando il principio di cristallizzazione, di condensazione, di inerzia, Saturno è quella forza che tende a bloccare, a fissare gli eventi e i pensieri in situazioni rigide e strutturate, opponendo lo status quo a qualsiasi modificazione o cambiamento che non abbia una qualche utilità di miglioramento.
Le capacità analitiche di Saturno inducono ad una visione della vita priva di illusioni o abbellimenti: per ottenere tale essenzialità si deve compiere, o subire, un’operazione di rinuncia e privazione di quanto è ritenuto superfluo e inessenziale. Nello stesso tempo tale lucida visione del reale porta a conquistare il potere con un’operazione fredda e consapevole: per la coscienza ordinaria sotto l’influsso ‘focalizzante’ di Saturno, autorità e potere si reggono quindi sulla base di una paziente, ed implacabile, costruzione logica che sa eliminare gli ostacoli, selezionare le opportunità e scalare, con il sostegno di grandi ambizioni, determinazione e tenacia, il monte che conduce al successo personale.
Durer. MelanconiaSaturno è pertanto astro impietoso e freddo, risplendente di una luce fulgida ma algida, capace di togliere tutte le illusioni e ricondurre infine all’essenza originaria.

Esprime, in accordo alla lontananza dal Sole e in ragione della lentezza del suo orbitare attorno al Sole, caratteristiche di distacco emotivo, freddezza, tristezza e diffidenza, caratteristiche che l’astrologia ortodossa applicava al destino di un uomo freddo, cupo, triste e senza prole, dominato da un carattere pessimista, burbero e cupo, dominato dalla gravezza, dalla paura e dalla depressione, un carattere definito melanconico o “saturnino”, carico di connotazioni sinistre e nefaste. La figura cupa forgiata nei secoli è riflessa anche nella cultura popolare ove tutto ciò che è calamitoso, pesante, faticoso e infausto è attribuito a Saturno (il “grande malefico” della tradizione astrologica).
Saturno rappresenta pertanto, in prima istanza evolutiva, l’isolamento, l’abbandono, la perdita della libertà, la sterilità (fisica e psichica), l’impotenza, la mancanza di energia vitale (essendo simbolicamente il figlio che si vendica del padre, Urano, colpendolo nella virilità.)

In istanza superiore, Saturno rappresenta per l’evoluzione della coscienza anche la luce dell’intelligenza, il pensiero speculativo e razionale, la contemplazione e l’ascesi (che giustappunto abbisognano di un “clima” freddo, astratto ed essenziale per potersi sviluppare); governa l’introspezione e la riflessione, la perseveranza e la stabilità, essendo il saggio e severo maestro che consente la disciplinata crescita spirituale, l’accettazione delle prove e la conseguente liberazione daPrecipitazioneLuce esse.
L’influenza di Saturno appare pertanto necessaria per consentire alla coscienza di divenire consapevole del proprio destino, liberandosi dall’influenza raggelante delle esperienze considerate negative: in tal senso Saturno diviene il “liberatore”, quella “porta” che consente il passaggio, ancorché faticoso e doloroso, che immette nell’illimitato, nel “senza tempo”.
Il dolore, la restrizione e la disciplina, aspetti di Saturno che possono apparire unicamente negativi, si tramutano in quel processo psichico mediante il quale la coscienza utilizza ed elabora le esperienze del dolore, della restrizione e della disciplina per giungere ad una maggiore consapevolezza, per realizzare quanto si è prefisso, per guadagnarsi la libertà, interiore ed esteriore, sconfiggendo limiti e limitazioni, facendo finalmente brillare la luce che la pesantezza della materia aveva offuscato.

A Saturno si attribuisce anche la simbologia della durata nella materia (nella figura dello scheletro umano) e nel tempo (coi periodi della maturità e vecchiaia); in particolare il legame tra Saturno e vecchiezza si fonda sul collegamento del pianeta, ultimo della serie iniziata con la Luna nella visione aristotelico-tolemaica, con l’età finale dell’esistenza umana, in un elenco di correlazioni che vede la Luna in rapporto con l’infanzia, Mercurio con l’adolescenza e così via.
L’iconografia più consueta di Saturno/Kronos lo vede dunque ritratto nelle sembianze di un uomo anziano o dichiaratamente vecchio, per lo più con lunga barba e capelli bianchi, ignudo o con un velo che gli copre il pube, con in mano una falce o un falcetto, in posa triste o meditativa.

TemposfuggenteSaturno, come indicato, è legato anche al karma, alle prove della vita e alla morte; quest’ultima, essendo riferita alle forme, si riallaccia al concetto di tempo di cui Saturno è governatore: la cristallizzazione che il Luminare opera nei confronti delle forme materiali prelude alla loro fine (morte), ma anche alla liberazione dell’essenza vitale immortale in esse contenuta.

Già nell’antichità (stoici e poi neoplatonici) era avvenuta l’identificazione che sovrapponeva Kronos, figlio di Ouranos, a Chronos, divinità della teogonia orfica il cui attributo era quello di temporalizzare gli eventi, sui quali più tardi venne a convergere anche la figura di Saturno, dio latino delle messi.
Tale identificazione fa assumere a Saturno/Krono il ruolo di significatore del Tempo che determinaKairos l’accadere degli eventi in modo irreversibile e già predisposto dal Fato, in contrapposizione al dio Kairos, il “tempo opportuno” (dai romani detto “occasio”), la buona occasione che va afferrata al volo (e l’iconografia del dio Kairos lo ritrae come un giovane con le ali ai piedi e il cranio calvo ad accezione di un ciuffo di capelli che andava, appunto, afferrato al volo per non lasciarsi sfuggire la buona occasione).

A questo proposito va osservato che il Tempo nella realtà materiale nasce quando l’impulso uraniano originario separa spirito e materia mettendo in moto il ciclo evolutivo: allo stesso modo secondo il mito Saturno/Kronos/Chronos, evirando il padre Urano, mette in moto il meccanismo temporale (tempo quantitativo) che prevede scelte che generano eventi sottoposti alla legge del karma e che hanno una durata definita.

“Quando Crono … è rappresentato nell’atto di mutilare suo padre Urano, il significato dell’allegoria è molto semplice. Il Tempo Assoluto, come viene rappresentato, si trasforma in finito e condizionato; una parte è tolta dal tutto, indicando così che Saturno, il Padre degli Dèi, è stato trasformato dalla Durata Eterna in un periodo limitato. Crono, con la sua falce, abbatte perfino i cicli più lunghi che a noi appaiono senza fine, e che, peraltro, sono limitati nell’eternità; e con la medesima falce distrugge i ribelli più potenti. Sì, di certo non uno sfuggirà alla falce del Tempo!”.

Saturno, l’emblema del tempo, il “Sar”, “Saros”, un “ciclo”…”.

Il glifo del Luminare è una croce dominante che si prolunga sulla destra (dalla parte del principioSaturnoGlifo razionale) in un’iperbole, a significare la tensione della materia (croce) verso l’infinito e l’illimitato, il legame tra il principio mortale e il principio immortale. Saturno è dunque il padre della materia e nello stesso tempo il liberatore della e dalla materia in virtù dell’illimitato di cui è portatore e di cui obbliga a fare esperienza in terra.
Il simbolo può essere visto anche come la rappresentazione stilizzata di una falce (essendo Saturno originariamente una divinità agricola).

Saturno era noto fin dai tempi più antichi e Tolomeo, ne Le previsioni astrologiche, così ne parla: “A Crono, pianeta di natura fredda e antitetico al caldo, e che traccia l’orbita più alta e distante dai luminari furono assegnati i segni diametralmente opposti al Cancro e al Leone, Capricorno e Acquario, sia perché tali segni sono anch’essi freddi e invernali, sia SaturnoRomaperché l’opposizione non è in armonia con azioni benefiche”; essendo l’ultimo dei pianeti visibili ad occhio nudo Saturno assumerà via via la funzione di definire i limiti invalicabili del sistema solare, nonché quelli, interni, della psiche umana.

Nella mitologia mesopotamica era conosciuto come Ninib (o Ninip), o Ninurta discendente del “Dio Sole” (e anch’esso ritratto come divinità solare), guardiano della giustizia. Ninurta (Nin Ur: Signore della Terra) nella mitologia sumera e accadica era identificato con Ningirsu. Ninurta è un dio contadino e guaritore, capace di togliere agli uomini le malattie ed il controllo da parte dei demoni.
In ebraico antico, Saturno è conosciuto come Shabbathai, mentre in turcoNinurta ottomano, urdu e malese il suo nome è ‘Zuhal‘, derivato dall’arabo زحل.

In ambito induista Saturno ha come omologo il dio Satyavrata, con cui ha in comune la radice “sat” (Essente, causa, energia creatrice). Il dio vedico dimorava nella sfera celeste chiamata Satya-Loka (governata appunto dal pianeta Saturno), l’eterno mondo di Brahma o mondo della verità (Satya), il più elevato e luminoso dei mondi formato da infinita saggezza. Secondo il racconto mitologico Vishnu sarebbe apparso nelle sembianze di un pesce al saggio e pio Satyavrata (“Colui che ha fatto della verità il suo voto”) per annunciargli che il mondo stava per essere distrutto e per incitarlo a costruire un’arca Satyavratanella quale stipare i germi del mondo futuro. Dopo il cataclisma Satyavrata trasmise agli uomini i Veda, ossia la rivelazione primordiale, la Parola divina mediante la quale tutte le cose furono ricreate.

Secondo la mitologia greca Crono o Kronos (Κρόνος) è una divinità pre-olimpica, un Titano figlio di Urano (Οὐρανός ἀστερόεις, il Cielo stellato) e di Gea/Gaia (Γαῖα, la Terra). Nella Teogonia di Esiodo si narra che i figli generati da Urano e Gea (i Titani, i Ciclopi e gli Ecantochiri), apparendo mostruosi agli occhi del padre, furono tenuti nascosti nel ventre oscuro della terra, impedendo loro di venire alla luce. Gea, irata per questo comportamento, chiese ai figli di punire il padre che li costringeva nel suo ventre; l’ultimo dei Titani, Kronos, accoglie l’appello della madre e una notte, non appena Urano si distende su Gea per fecondarla, lo evira con un falcetto di selce.

EvirazioneUrano“(…) Saturno, cioè Crono, governò i Lemuriani (…). Urano diede nascita ai Titani della Terza Razza, e questi, impersonati da Saturno-Crono, lo mutilarono. Infatti, poiché i Titani caddero nella generazione quando “la creazione, mediante la volontà, fu sostituita dalla procreazione fisica”, essi non avevano più bisogno di Urano”.

Da questo momento inizia il dominio di Kronos il quale, unendosi alla sorella Rea genera molti figli  che però vengono divorati dal padre appena nati in quanto Kronos era stato avvertito dai genitori che uno di questi figli lo avrebbe spodestato. Questo stato di cose genera grande sconforto in Rea che,Goya. Crono incinta dell’ultimo figlio (Zeus/Giove), decide di partorire di nascosto sull’isola di Creta, consegnando a Kronos una pietra che questi divora pensando sia il neonato. Zeus/Giove, una volta cresciuto, offre al padre una pozione che fa “vomitare” gli altri figli che aveva divorato; inoltre scioglie dalle catene i Ciclopi (costretti alla prigionia da Kronos) che lo ricambieranno consegnandogli i fulmini. A quel punto si scatena una lotta (Titanomachia) tra i Titani e i figli di Kronos (gli dei olimpici) che prosegue incerta per dieci anni fino a quando Zeus, su consiglio di Gea, libera i tre Ecatonchiri (costretti nelle viscere della terra da Urano) e dopo averli rifocillati con ambrosia li coinvolge nella battaglia che si risolve con la sconfitta dei Titani che vengono relegati nel Tartaro. Come suggerisce M. Senard ne Lo zodiaco applicato alla psicologia si può concludere che “la luce-coscienza Zeus detronizza la materia Chronos, che era scaturita dalla luce primordiale Urano e la conteneva in potenza”: esotericamente, nella seconda metà della Terza razza lemure i Signori della Fiamma provenienti dalla catena di Venere istillano il principio manasico o mentale nell’allora razza umana, rendono possibile l’individuazione, ossia la possibilità di acquisire la luce della coscienza (Giove), la saggezza celeste (Urano), tramite la mente individuale (Venere-Terra).

Kronos si avvia all’esilio dopo essere stato liberato dal Tartaro e il mito lo vuole saggio e benevolo sovrano in centro Italia.

Kronos è assimilato, in ambito romano, a Saturno, originariamente divinità agricola di probabile ascendenza etrusca, legato al mondo rurale, ai cicli della natura e ai suoi prodotti. Il nome del dio è da connettere con la radice indoeuropea sat-‘, da cui derivano le parole latine satis e satur, che indicano appunto pienezza, abbondanza e soddisfazione. Secondo la tradizione romana, quando il dio fu spodestato dal figlio Giove, scontò appunto l’esilio in Italia, ove venne accolto amichevolmente da Giano, cui rivelò le tecniche agricole.

Gianobifronte. jpgIl legame tra Saturno e Giano non è ben definito, poiché talvolta sono considerati entità distinte, talvolta assimilati in un’unica figura mitologica. Come narra Macrobio nei Saturnali, Giano era il sovrano di una regione dell’Italia centrale quando Saturno vi giunse per insegnare le tecniche di agricoltura, la pratica del trapianto e dell’innesto nella coltivazione degli alberi da frutto, nonché il sistema di alimentazione. I posteri dedicarono loro due mesi consecutivi nel calendario: dicembre, in onore di Saturno e gennaio in onore di Giano; quest’ultimo inoltre chiamò Saturnia la regione sottoposta al suo potere, innalzò Saturno alla dignità del culto consacrando un altare al dio, celebrando riti sacri che chiamò Saturnali e creando un’effige cui diede come attributo la falce, simbolo della messe.
Secondo un’altra versione Giano, antica divinità italica, era rappresentato con due volti (Giano bifronte) che guardavano in due opposte direzioni e pertanto erano simboli del passato (il volto di vegliardo) e il futuro (il volto di fanciullo), espressioni dell’eterno divenire, di quel Tempo assoluto di cui Giano era custode (in qualità di guardiano delle porte). In tal senso Giano e Saturno sono il medesimo principio capace di condurre alla liberazione distruggendo ogni manifestazione materiale, ruolo appunto svolto dal Tempo.

Saturno era dunque in origine uno dei numina (divinità primitive protettrici), Colui che proteggeva i campi e le sementi. I grandi festeggiamenti in onore di Saturno, chiamati Saturnalia, avevano luogoSaturno3 nei mesi invernali, intorno al solstizio, in memoria della mitica età dell’oro durante la quale il dio governava su tutto il creato, come narra Esiodo ne Le opere e i giorni: “Ebbene, d’oro una prima stirpe di uomini caduchi fu forgiata dagli immortali che hanno le olimpie dimore, nell’età di Crono, quando egli regnava in cielo”.
Durante il primo giorno dei Saturnalia in ogni comunità veniva nominato il rex Saturnaliorum che regnava per una settimana tra banchetti, danze, giochi; in quel periodo si praticava lo scambio di doni, il ruolo di padroni e schiavi veniva invertito, i vincoli morali venivano meno e le regole dell’etichetta ignorate. In quell’occasione la statua di Saturno nel tempio sul Campidoglio, che durante l’anno aveva mani e piedi avvolti in fasce di lana, veniva sciolta ad indicare il ritorno, seppur breve, del mitico tempo dell’oro. I Saturnalia rappresentavano probabilmente un cammino di purificazione e di ritorno alle origini, ovvero il tentativo di riottenere quello stato di perfezione naturale che era propria dell’umanità dei primordi. Saturno, pertanto, è simbolo della luce della manifestazione divina che rinnova il cosmo ogni anno (al solstizio invernale), ipotesi che spiegherebbe il clima orgiastico dei Saturnalia. Rinnovato il cosmo, Saturno veniva di nuovo legato e il rex Saturaliorum simbolicamente ucciso in quanto il periodo di rinnovamento annuale non era la fine del ciclo cosmico, che si sarebbe veramente concluso solo alla riapparizione del dio.

Il sesto giorno della settimana, il sabato, era associato a Saturno già ai tempi degli antichi romani (Saturni dies), che lo consideravano il primo giorno della settimana planetaria, tradizione derivata probabilmente da quella ebraica. La tradizione ebraica di consumare pasti freddi il sabato sarebbe legata a Saturno, pianeta tradizionalmente considerato come “freddo”.

Saturno viene assimilato anche alle figure di Jeovah e di Satana:
“Gli Gnostici avevano ragione quando chiamavano il Dio ebreo un “Angelo della Materia”; o “colui che inspirò la vita (cosciente) in Adamo”, e colui il cui pianeta era Saturno. E Dio ha posto una cintura intorno ai suoi lombi [gli anelli di Saturno], e il nome della cintura è Morte. Nell’Antropogonia questa “cintura” è il corpo umano con i suoi due princìpi inferiori. Tutti e tre muoiono, mentre l’uomo interiore è immortale”.

“I sette Angeli che presiedono ai sette Pianeti sono i Costruttori del nostro Universo …Questi Angeli sono i Guardiani naturali delle sette Regioni del nostro Sistema Planetario, e uno dei più potenti tra questi sette Angeli creatori del terzo ordine è “Saturno“, il genio che presiede al Pianeta, e il Dio del popolo ebraico: precisamente Jehovah, che era venerato tra gli ebrei, e al quale essi dedicarono il settimo giorno o Sabbath, il Sabato: “giorno di Saturno” per gli scandinavi e anche per gli indù”.

“Kiyun, o il Dio Kivan, venerato dai giudei nel deserto, è Saturno e Shiva, chiamato più tardi Jehovah”.

“Nel simbolismo teologico… Giove (il Sole) è il Salvatore risorto e glorioso, e Saturno il Dio Padre, o il Jehovah di Mosè, dice Éliphas Lévi che doveva sapere. Jehovah e il Salvatore, Saturno e Giove, essendo così uno, e Mikael venendo chiamato la vivente immagine di Dio, appariva pericoloso per la Chiesa chiamare Saturno, Satana: le dieu mauvais.

SanMichele e il drago“… l’Arcangelo cristiano Michele, il “combattente vergine” del Drago Apophis… l’Arcangelo che, come dimostrano gli Gnostici, si rifiutò di creare, precisamente come i Kumâra. Questo Angelo protettore degli ebrei non presiede forse su Saturno (Shiva o Rudra), ed al Sabbath, il giorno di Saturno? Non si dice forse che sia della medesima essenza di suo Padre (Saturno), e non è esso chiamato il Figlio del Tempo, Crono, o Kâla, una forma di Brahmâ (Vishnu e Shiva)? E non è forse il Vecchio Tempo dei greci, con la sua falce e la sua clessidra, identico all’Antico dei giorni dei cabalisti; quest’ultimo “Antico” essendo una sola cosa con l’Antico dei Giorni indù, Brahmâ, nella sua forma una e trina, il cui nome è pure Sanat, l’Antico? Ogni Kumâra porta il prefisso di Sanat e Sana. E Shanaishchara è Saturno, il pianeta Shani, il Re Saturno, il cui Assistente in Egitto era il primo Thot-Hermes. Essi si identificano quindi entrambi con il pianeta e con il Dio (Shiva), i quali, a loro volta, vengono descritti come i prototipi di Saturno, che non è altro che Bel, Baal, Shiva e Jehovah Sabbaoth, del quale l’Angelo della Faccia è Michele מינאל” che (è) come Dio”.SanMichelearcangelo

“Mikael, essendo il reggente del pianeta Saturno, è Saturno. Il suo nome nel Mistero è Sabbathiel, perchè presiede ai Sabbath giudaici, come pure al Sabato astrologico”.

Da una parte Saturno/Michael/Shiva/Sanat Kumara è dunque il principio creatore (Brahma), il Dio del nostro pianeta, il Terzo Aspetto del Divino o Terzo Raggio che sia Terra che Saturno incarnano nel Sistema solare; dall’altra è il principio di definizione che determina, dà un termine, una definizione, al drago o vitalità ‘caotica’ della sostanza (energia/tempo) indifferenziata; dall’altra ancora è il principio di disintegrazione (la 3^ legge secondaria del sistema solare) che distrugge le forme obsolete e disordinate per rinnovare ciclicamente l’avanzata evolutiva della Vita.

Curiosità:
Saturno è citato nella Divina Commedia, in particolare nel Canto XXI del Paradiso, ove è il rappresentante del Settimo Cielo, zona celeste caratterizzata dalla meditazione e dalla contemplazione.
Nell’opera letteraria Micromega, scritta nel 1752 da Voltaire, il protagonista proviene da Sirio e, prima di giungere sulla Terra, si ferma su Saturno i cui abitanti posseggono 72 sensi e vivono 15.000 anni. Il Gheyn. Melanconiapadre della fantascienza, Jules Verne, descrive un viaggio su Saturno che si svolge a bordo di una cometa; Isaac Asimov, ambienta il racconto Lucky Starr e gli anelli di Saturno sui satelliti Mimas e Titano, mentre il celeberrimo romanzo di Arthur Clarke 2001: Odissea nello spazio termina su Giapeto, un altro dei satelliti di Saturno.
Ricordiamo inoltre il celebre saggio Nati sotto Saturno di Rudolf e Margot Wittkower che, analizzando le vite e le opere di famosi uomini d’arte e lettere, li mette in relazione con le qualità associate alla malinconia, uno dei principali attributi di Saturno, responsabile del “carattere saturnino” di cui molti artisti, intellettuali e studiosi sembrano afflitti.

Etimologia:

Dal latino Saturnus, il dio protettore delle sementi, come indicarono Festo e Varrone.
Il nome è connesso al latino satus, sementa e al verbo sero, seminare, che al participio passato è satus, seminato.
Più tardi, come detto, venne assimilato al dio greco Cronos, che esprime la stessa idea di “generatore”.
Radice indoeuropea *SA-  che esprime l’idea si spargere, gettare, connessa al movimento alterno.
Sanscrito suvati = vivificare. Franco Rendich, Dizionario etimologico comparato delle lingue classiche indoeuropee, Roma 2010, Palombi Editore, p. 472, propone la radice indoeuropea affine “sū”, che esprimerebbe l’idea di “creare legami” [s], molto intensi [ū].

Latino semen, seme, dalla radice del verbo se-rere, generare, seminare: se + men = terminazione participiale, propriamente “la cosa seminata”.

Inglese to sow, seminare; antico tedesco sajan = seminare e tedesco moderno = sieb, setaccio, parola che anch’essa esprime l’idea di movimento alterno.

Il nome del Dio è da connettere anche alla radice indoeuropea affine *SAT-, da cui derivano le parole latine satis, abbastanza, e satur, sazio, abbondante, che indicano appunto pienezza.
In epoca romana al Dio erano dedicati i Saturnali, che si celebravano ogni anno dal 17 al 23 dicembre, in coincidenza con il solstizio invernale.
La remota associazione tra Saturno e i campi seminati è testimoniata anche dal fatto che l’anno liturgico dell’arcaico Collegio sacerdotale dei Fratelli Arvali (arvum era detto il campo seminato) andava da una festa delle sementi all’altra (ex Saturnalibus primis ad Saturnalia secunda).

Il significato di Saturno è “Il Seminatore”.

 Pianeta

Saturno secondo l’astronomia è il sesto pianeta a partire dal Sole, l’ultimo dei pianeti visibili ad Saturnopianetaocchio nudo. Appare in cielo come un luminoso punto giallastro di magnitudine apparente compresa tra 1 e 0; la luminosità di Saturno dipende sia dalla distanza dalla Terra, sia dalla posizione del sistema dei suoi anelli, ovvero se questi sono orientati o meno in modo favorevole all’osservazione.
Saturno, dopo Giove, è il pianeta più grande del Sistema solare, classificato come gigante gassoso (poiché gli strati esterni sono costituiti prevalentemente da gas). Con Giove compone il 92% circa della massa planetaria totale del Sistema solare.
I diametri equatoriali del pianeta differiscono di quasi il 10% l’uno dall’altro e pertanto Saturno appare notevolmente schiacciato ai poli: questa forma è il risultato della sua rapida rotazione assiale e della sua composizione chimica (con la più bassa densità media presente nel Sistema solare, pari a 0,69 g/cm3, inferiore a quella dell’acqua).

L’atmosfera di Saturno è composta per l’85% circa da idrogeno e per il 15% circa da elio, cui seguono altri elementi in percentuali minime (soprattutto metano e ammoniaca). La temperatura, la pressione e la densità all’interno del pianeta aumentano spostandosi verso il nucleo che, presumibilmente solido anche se non massiccio, consiste di silicati e ghiacci ed è circondato da uno strato spesso di idrogeno metallico e da uno strato esterno gassoso. L’atmosfera presenta un’alternanza di fasce chiare e scure parallele all’equatore con perturbazioni cicloniche (soprattutto alle alte latitudini) e formazione di nubi e venti fortissimi (possono soffiare fino a 1800 Km/h presso l’equatore): nel 1990 il telescopio spaziale Hubble ha ripreso il ciclone detto Grande Macchia Bianca, tipico esempio di tempeste temporanee.

SatellitiAnelliSaturnoNegli anni Ottanta due sonde del programma Voyager fotografarono sulla superficie del pianeta, nei pressi del Polo Nord alla latitudine 78°N, una struttura esagonale che era già stata osservata dalla sonda Cassini. I lati dell’esagono erano di dimensioni superiori al diametro della Terra e l’intera struttura (che non ha esempi analoghi nel Sistema solare) ruotava in un periodo di circa 10 ore, 39 minuti e 23 secondi, presumibilmente equivalente al periodo di rotazione delle parti interne di Saturno. Tale struttura appariva inoltre stabile e non era soggetta a movimenti longitudinali.

Saturno possiede una sessantina di lune che gli orbitano attorno, quasi a rappresentare un proto sistema solare: di queste Titano è la maggiore (rappresenta il 95% della massa orbitante intorno a Saturno) e l’unica nel Sistema solare a possedere un’atmosfera, prevalentemente composta di azoto e metano. Titano fu scoperto nel 1655, primo tra i satelliti saturniani, grazie alle osservazioni dell’astronomo Christian Huygens; seguirono tra il 1671 e il 1684 l’individuazione di Teti, Dione, Rea e Giapeto da parte di Giovanni Domenico Cassini, astronomo italiano alla corte del re Sole.
Le osservazioni di Cassini permisero di studiare in dettaglio il pianeta ed anche di osservare con maggior precisione l’esteso e ben visibile sistema di anelli che lo cinge. Questo sistema consiste per lo più di frammenti solidi di piccolissime dimensioni, la cui grandezza varia dal micrometro al metro, costituiti da particelle di ghiaccio e polveri di silicati che orbitano attorno al pianeta sul suo piano equatoriale. Gli anelli iniziano ad un’altezza di circa 6.600 Km dalla sommità delle nubi di Saturno e si estendono fino a 120.000 Km (poco meno della distanza Terra-Luna), mentre il loro spessore è inferiore ai 200 metri. La loro scoperta, che risale al 1655, è dovuta a Christian Huygens, anche se in SaturnoTricorporeoprecedenza (1610) Galileo Galilei aveva osservato delle insolite protuberanze attorno al pianeta, ma non era stato in grado di distinguere con chiarezza la loro forma (sia per la scarsa potenza del cannocchiale di cui disponeva, sia perché all’epoca delle osservazione galileiane gli anelli erano disposti di taglio per un osservatore terrestre e pertanto difficilmente visibili). Lo scienziato pisano aveva rilevato la “bizzarria” del pianeta e aveva supposto la presenza di altri due corpi ai lati, definendolo “tricorporeo“. Galileo nei suoi schizzi ipotizzò varie soluzioni per la forma di Saturno, fra cui anche possibili anelli che tuttavia erano tangenti la superficie del corpo celeste.

Il sistema di anelli di Saturno è formato da almeno sette fasce separate tra loro da divisioni prive di oggetti: tale organizzazione in fasce risulta a tutt’oggi ancora inspiegabile, anche se un ruolo non secondario è senza dubbio giocato dai cosiddetti satelliti pastori, ovvero lune di Saturno che orbitano all’interno o subito fuori dell’anello. Sono questi anelli delle proto-orbite di futuri pianeti (ora lune), allorché Saturno assumerà la potenza di un sole?

Nell’ottobre del 2009 grazie al telescopio spaziale Spitzer è stato possibile scoprire l’anello più grande di Saturno che si trova all’estrema periferia del sistema e giace su un’orbita inclinata di circa 27° rispetto al piano dei sette anelli principali. Questo nuovo anello, che inizia ad una distanza di circa 6 milioni di Km dal pianeta e si estende fino a quasi 12 milioni di Km è composto di ghiaccio e polvere e, pur essendo molto esteso, è rilevabile soltanto nello spettro infrarosso in quanto non riflette la luce visibile.

SaturnoAnelliL’asse di rotazione di Saturno è inclinato rispetto al piano orbitale e di conseguenza anche il sistema di anelli risulta inclinato: questa configurazione alterna l’inclinazione degli anelli rispetto all’osservatore terrestre; in particolare ogni 14-16 anni la visibilità degli anelli diventa quasi impossibile in quanto questi si dispongono di taglio, permettendo invece l’osservazione dell’intero disco del pianeta e dei satelliti situati all’interno della struttura degli anelli.

La sonda Pioneer 11 fu la prima ad effettuare un flyby di Saturno nel settembre 1979, passando a circa 20.000 Km dalla sommità delle nubi che avvolgono il pianeta. Riuscì a scattare alcune immagini del pianeta e di alcuni dei suoi satelliti, oltre a studiare il sistema di anelli. La sonda spaziale Cassini-Huygens, lanciata nel 1997, entrò in orbita attorno a Saturno il 1° luglio 2004 e a partire dal 2005 fornì molte informazioni sul pianeta come la presenza di fulmini nell’atmosfera (circa 1.000 volte più potenti di quelli terrestri) e la presenza di un’enorme tempesta nei pressi del Polo Sud saturniano. La sonda ha fornito anche le prime informazioni su Titano, fino ad allora sconosciuto a causa della spessa coltre atmosferica che lo avvolge: in particolare nel 2007 ha scoperto laghi e mari di idrocarburi sul satellite, il più grande dei quali ha le dimensioni del Mar Caspio.

1) Asse polare

L’asse di rotazione di Saturno è inclinato di 26,731°, determinando un ciclo stagionale assai simile aSaturnoincielo quello terrestre, anche se più lungo. La rotazione intorno al proprio asse viene effettuata in 10,23378 ore nelle regioni equatoriali, mentre nucleo e mantello ruotano in 10,67597 ore.

2) Orbita, Rivoluzione e Rotazione

L’orbita di Saturno è inclinata di 2,488º rispetto al piano dell’Eclittica; alla sua distanza la luce del Sole appare 100 volte meno intensa rispetto alle misure effettuate dalla Terra.
Saturno completa la sua rivoluzione intorno al Sole in 29,458 anni terrestri.

Per quanto riguarda il valore armonico della durata della rivoluzione di Saturno attorno al Sole si considera un periodo pari a 30 anni:
“Gli impulsi di Saturno si susseguono ogni trent’anni, misura che ben si adatta agli intervalli fra le generazioni, vere ondate di vita che si formano fra gli uomini e ne tramandano i problemi, le civiltà, i costumi”.

Saturno impiega trenta anni terrestri per una rivoluzione, quindi soggiorna per due anni e mezzo in ogni Segno. La sua Funzione nel Sistema non è così intimamente connessa allo Zodiaco come quella di Giove: si desume semplicemente dal fatto che il suo ciclo non coincide con quelle partizioni spaziali. È sorretto da una formula di valori fra i quali compaiono il due, il cinque e il sei: percorre due Segni in cinque anni; perciò [rispetto al lustro terrestre] conta lo Zodiaco come una partizione in sei campi e ne sintetizza gli opposti polari”.

“La sua velocità sta a quella di Giove come 2:5, a quella di Urano come 5:7, e a quella di Nettuno come 5:14. Il numero 30 è una caratteristica di Saturno, e fa pensare che esista un nesso con i trenta gradi di ampiezza dei vari segni, che il primo Vertice (Vulcano/Sole) scandisce uno per giorno”.

3) Cicli e psicogeometrie eliocentrici

 Saturno intesse rilevanti psicogeometrie con gli altri Luminari del Sistema solare, già analizzate nei precedenti articoli (vedi il paragrafo corrispondente nelle schede di Urano, Giove, Venere e Terra).

CicloGiove-SaturnoIl rapporto tra Saturno e Giove è particolarmente stretto e significativo, in quanto nell’arco di 60 anni disegnano in cielo, con le loro congiunzioni ed opposizioni che si alternano ogni 10 anni, una Stella a sei punte (Stella della Vita), nonché, con il loro moto continuo di contrappunto, una Stella a 5 punte (Stella del Creato). Tale loro rapporto costruttivo (2:5 = 12:30 anni) consente di governare lo sviluppo operativo del Piano evolutivo, guidando anche quel processo interiore che libera la coscienza dalla forma.

“Questi concetti si chiariscono se si pensa che Saturno, terzo Raggio, è il Signore della Giustizia cosmica, e che pertanto il gioco ritmico della Stella deve riguardare anche la retribuzione del karma nel suo senso più generale, e la legge dell’economia; e che Giove, di secondo Raggio, è il Signore del magnetismo cosmico dello Spazio solare, e dunque regola le attrazioni, rivela, guida, protegge e insegna.”

Il rapporto tra Saturno e Venere è altrettanto significativo in quanto i due Luminari sono collegati dallo scambio reciproco di Raggio ed Orbita, un Rapporto che è precipuamente creativo e costruttivo (Raggi e Orbite 3 e 5): tale “risonanza”, o “dialogo” energetico, permette di saldare tra loro le due parti di quella Stella a sei punte formata dai Luminari del Sistema solare.
In tal modo il Triangolo superiore (composto da Vulcano, Giove e Saturno) e il Triangolo inferioreModelloSistemaSolare (composto da Venere, Nettuno ed Urano) operano in perfetta concordanza, consentendo la realizzazione del Piano:

“… Saturno, terzo Vertice del Triangolo maggiore, è Luminare di terzo Raggio e vola sulla quinta Orbita, o sulla quinta Onda. Quest’ultima è quell’Ente spaziale che ne diffonde, in tutto l’ambito solare, i “decreti elusivi”. Venere, Vertice del Triangolo inferiore, è Luminare di quinto Raggio e per sua natura essenziale è il risonatore ideale di tutto quanto attiene a tale qualità. Perciò dal terzo Vertice del primo Triangolo, tramite la quinta Orbita, l’energia si riversa nel secondo, eccitando la luce di Venere. Questo percorso dell’energia è sempre aperto e vale anche in senso opposto, poiché le forze attive del Triangolo minore si propagano sino a Saturno tramite la terza Orbita che è di Venere. I due Triangoli sono in continuo stato di scambio reciproco: energia che scende, energia che risale. E il tutto avviene senza bisogno di contatto fisico o di meccaniche complesse, e inoltre senza necessità di allineamenti speciali fra i Luminari”.

La risonanza è curata da Saturno, il Pianificatore del Sistema, che vola sulla quinta orbita, dedicata al Lavoro. Così muovendo sceglie le sostanze adatte alle Formule e adegua questa a quelle senza nulla imporre: il Piano si fonda sul libero consenso. Mentre Giove, tramite l’onda, comunica ovunque la Formula o Vibrazione corrente, Saturno, mediante la risonanza, raccoglie ovunque il necessario, in modo selettivo e dunque relativo”.

“Lo stato di continua risonanza in atto fra Saturno e Venere “informa” il quinto Luminare [Venere] delle innovazioni progettate dal terzo [Saturno]. Tramite Venere agisce la magia della quinta emanazione, ossia la facoltà misteriosa di creare il dualismo: le Formule precipitano come Forme e queste iniziano a manifestare il loro contenuto”.

“Saturno (Raggio 3, Orbita 5) e Venere (Raggio 5, Orbita 3) reggono la Croce mobile. Il primo, come si è più volte detto, è il progettista di tutti gli sviluppi solari, mentre il secondo è l’esecutore o costruttore formale. Sono legati dalla duplice risonanza tra i valori di Raggio e Orbita. C’è ragione di supporre che il loro combinarsi continuo ma variabile produca l’oscillazione regolare della Croce mobile, attratta e respinta fra le polarità delle altre due. Così muovendo essa scandisce e governa tutti i processi formali e insomma tutto il divenire, e a lungo andare genera nell’uomo quell’insoddisfazione psichica che nutre il desiderio di stabilità, così educandolo alla Croce fissa. Questa Croce viene anche detta “del Cristo celato”. Si tratta, beninteso, del Cristo cosmico. Una semplice operazione aritmetica (qualitativa) fra i valori di Raggio e Orbita dei due Luminari mostra la ragione di tale appellativo e corrobora l’ipotesi della loro reggenza: 5 – 3 = 2.

Se infatti si sottrae dall’Orbita o dal Raggio di uno dei due Luminari il Raggio o l’Orbita dell’altro appare il Cristo, ovvero il due cosmico, la coscienza solare che il gioco reciproco fra Saturno e Venere nasconde sotto miriadi di forme mutevoli”.

Si segnala infine il rapporto non ancora trattato tra Saturno e Nettuno (in intervallo armonico:CicloSaturno-Nettuno 30/168 = 5/28), analogo a quello tra Saturno e Urano (che è l’ottava inferiore di Nettuno: 84/168 anni), e comunque diverso per le sue partizioni cicliche: i due Luminari di 3° e 6° Raggio (entrambi sacri all’Intelligenza: 6 è 3×2, il primo all’Intelligenza attiva della Sostanza, il secondo a quella astratta o ideale della Coscienza, o Saggezza) si congiungono ogni circa 36 anni terrestri, con quarti di ciclo di circa 9 anni, numeri sacri all’evoluzione spirituale della forma e della coscienza. Il passo tra due congiunzioni successive è ampio tra i due e i tre Segni zodiacali, allestendo nella ruota zodiacale la psicogeometria risultante di una stella a 23 punte per ogni Giorno solare di 840 anni (quella tra Saturno e Urano è di 13 punte).

Degno di nota è il fatto che la prossima loro congiunzione (le tre ultime furono nel 1989, nel 1953 e nel 1917) sarà all’incipit di Aries, Segno del Fuoco elettrico e dell’Inizio manifesto, nel famoso 2025, data indicata dall’Insegnamento esoterico come propizia all’Esteriorizzazione della Gerarchia.

LucechevinceChe la Semina saggia della Luce saturi la coscienza dell’umanità
e disintegri gli ostacoli alla Comunione planetaria

 Note: 

Ricordiamo che la nomenclatura adottata in questi articoli prevede di indicare i Segni Zodiacali con il termine latino (Aries, Taurus, Gemini, etc.) e le Costellazioni Zodiacali con il corrispondente termine in italiano (Ariete, Toro, Gemelli, etc.). Ricordiamo inoltre che Segni zodiacali e Costellazioni attualmente non coincidono a causa del fenomeno astronomico della Precessione degli equinozi che sposta in circa 26.000 il punto gamma (0° Ariete) lungo l’intera Eclittica, attraverso le costellazioni dello Zodiaco, in senso opposto a quello del Sole apparente. Tale fenomeno ha per conseguenza uno scostamento progressivo tra i dodici Segni dello zodiaco tropico e le omonime Costellazioni lungo l’Eclittica che attualmente ammonta a circa 27º (in 72 anni le costellazioni si spostano di 1° e in 2160 anni di circa 30°). In attesa che le due “Ruote” tornino a coincidere, si ricordi il valore qualitative o causale dei Segni astrologici rispetto a quello quantitative o apparente delle Costellazioni astronomiche.)

Taggato , , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.