“Amate il futuro e vi cresceranno le ali”

L’attrazione magnetica esercitata dal futuro è una grande forza motrice,

e la si deve intendere come una realtà assoluta.”(1)

Vortici magnetici

Con quale mezzo si pongono le basi delle grandi imprese?

In verità, solo con il cuore“.(2)

fuoco

Per entrare nella realtà dell’avvenire e costruire scientemente ed in gruppo il Sogno reale di una nuova Cultura e Civiltà è importante ricordare alcune formule, considerate fondamentali per l’impianto di qualsiasi iniziativa umana:

Il futuro è un Piano di sviluppo ciclico composto da miriadi di cicli minori, ed è a sua volta parte di cicli maggiori.

Un Piano pensato per il Bene comune è costruito impiegando due energie fondamentali: Amore e Luce. Un tale “oggetto” può essere di natura cosmica, planetaria o umana. Quando a tali energie se n’aggiunge una terza (il Proposito) il Piano si orienta ed è un Progetto.(3)

Si parte dall’ipotesi che l’Opera coordinata delle Intelligenze planetarie sul Piano solare/Eclittica sia il Modello superiore per la Nuova Cultura umana e che dunque occorra orientare ad esso qualsiasi opera umana. Oggi nel segno di Sagittarius, l’Arciere celeste, che raccoglie tutte le invocazioni e le riconduce alla Direzione unitaria: quella del Bene, del Bello e del Vero, splende la congiunzione tra Saturno, il Progettista solare, e Venere, l’Esecutore del Progetto e Costruttore della nuova Cultura solare in Terra, l‘impulso causale che ci indirizza ad esplorare e a costruire il ritmo del futuro.

Si può affermare che il ritmo è il progenitore della cooperazione; e l’azione comune, si sa, è una potente forza motrice. In risonanza all’impegno assunto da un nucleo di persone, per l’anno 2016, a fondare per vie sottili un Istituto del Cuore”, ove si impara a ricondurre ogni separazione all’unità essenziale, rafforzando così la rete che collega i cuori e gli sforzi dei Costruttori del Tempio, irradiamo frammenti dell’Insegnamento dell’Agni Yoga, che invitano l’uomo a penetrare il futuro con la comprensione del cuore e proiettarlo con la mente illuminata, per rispondere all’esortazione del Maestro Tibetano:

Dal Centro umano si svolga il Piano di Amore e di Luce …”

massa critica

Accogliamo l’invito dei Maestri che conoscono l’essenza dell’amore per il futuro e con audacia lanciamoci verso il futuro, la fonte d’ispirazione che dona fermezza e coraggio.

“Da tempo si afferma che il flusso della vita è continuo. Si può aggiungere che è un volo verso l’avvenire. Gli uomini però temono il futuro. Alcuni si rassegnano, con amarezza, al fatto che è inevitabile, ma soltanto pochi lo amano. È giusto dire che questi hanno ali invisibili che li sollevano sul pianeta. Scopriranno grandi verità e saranno autentici scienziati. Confidano che le loro scoperte non andranno perdute, salutano ogni giorno come una nuova possibilità. Amano la vittoria e combattono l’ignoranza. Donde viene la loro capacità di lavorare senza sosta? L’amore è un grande motore. È un magnete, è il principio del successo. L’amore del futuro è il più poderoso, e protegge dal ristagno, e promuove la comprensione del Sovramundano… sognare del Sovramundano è bene…. Il Pensatore diceva ai fanciulli: “Amate il futuro e vi cresceranno le ali“. (Estratto da: Sovramundano IV § 861, Collana Agni Yoga)

“La perla del cuore è la tensione più sottile. Con questa sola Noi creiamo mondi. L’insieme globale degli sforzi costruisce il futuro. La fonte dell’amore unifica tutto ciò che esiste!” (Estratto da: Infinito I § 203, Collana Agni Yoga)

Se l’impulso che muove le energie viene dal cuore, tutte le loro manifestazioni sono sature di potenza creativa. Ciò che nell’Universo appare come vera forza motrice del laboratorio del cuore si chiama impegno fervente. Ciò che nel Cosmo si chiama Fonte della Verità, nella vita si chiama sincerità. Ciò che nell’Universo crea e tiene assieme, ciò che s’afferma incandescente nella vita, è la fiamma del cuore. Nell’unirsi spaziale di corpi diversi è possibile individuare il suo stimolo puro e fiammante. Nel Mondo del Fuoco quella è la forza unificante: solo il fuoco accende altri fuochi. La rivelazione dello spirito non è opera di meditazione ma del senso del cuore. Solo ciò che è stato vissuto può essere superato. Solo il cuore che abbia conosciuto tutti i fuochi può gustare la bellezza della vita superiore. Il futuro condurrà a realizzare queste migliori unità. Sulla via del Fuoco impegnatevi ad apprendere le Leggi supreme dell’Esistenza. (Estratto da: Mondo del Fuoco III § 207, Collana Agni Yoga)

Gli accadimenti che segnalano il dissolversi di un ordine indicano il futuro che verrà a sostituirlo. Il magnetismo cosmico purifica e raccoglie nuove forze” (Estratto da: Mondo del Fuoco III § 76, Collana Agni Yoga)

“Una coscienza saturata dal Magnete cosmico può assorbire grandi rinnovamenti. Quando la gioia del futuro vive nel cuore ogni ostacolo diventa un appiglio per la salita: perciò è tanto importante coltivare l’impegno del cuore a costruire un futuro potente.” (Estratto da: Mondo del Fuoco III § 269, Collana Agni Yoga)

Le nuove circostanze indicano la via del futuro. La Verità è sempre la stessa, ma le combinazioni variano secondo la coscienza. Quanta bellezza va sciupata perché si ignora il tempio, cioè il cuore! Ma dedicatevi con irresistibile slancio a realizzare il calore che si sente nel cuore, e cominciate a vivere come portatori del tempio. Così varcherete la soglia del Nuovo Mondo. Che povertà di spirito mostrano quelli che pensano che il Nuovo Mondo non sia per loro! I corpi differiscono, ma lo spirito non sfugge al Nuovo Mondo. (Estratto da: Cuore § 5, Collana Agni Yoga)

Servire il Maestro è già un atto di costruzione cosmica. Se lo spirito si protende verso il futuro per apprendere e preparare, nel servizio, le linee della nuova civiltà umana, collabora con il Cosmo. Affermazioni come questa sono frequenti nell’Insegnamento e divengono sempre più chiare col migliorare della comprensione. L’idea di lavorare per il Bene comune, assieme alla maestosa tendenza generale dell’Universo, di perdere se stessi nella pienezza dell’azione creativa, di costruire durevolmente per il futuro è talmente elevata e attraente che a poco a poco conquista dall’interno lo spirito umano.” (Enzio Savoini, Commento a Infinito parte 2^, § 436, Nuova Era, 2003)

“Tendere al futuro è alla base della Fratellanza. Gli eventi obbediscono a un Piano, e bisogna conoscere la struttura dell’Universo per abituarsi all’Infinito.” (Estratto da: Sovramundano III § 529, Collana Agni Yoga)

“L’uomo non è sperso nell’Infinito, come naufrago alla deriva. Ha un compito pari alla sua dignità nella gerarchia degli esseri. Deve “tendere alla capacità di creare”. Gli elementi governati dal Magnete lo conducono a prendere coscienza del Fuoco, senza il quale non potrebbe assolvere alla sua missione cosmica. Per una prima parte del suo ciclo vitale deve edificare il sè separato… per una seconda resta in equilibrio e si afferma; poi deve trovare e amare l’Infinito e imparare a creare in modo autonomo ma secondo la legge. Allora le sue prime attività creative riguardano il futuro del genere umano: un campo illimitato deve esercitare la sua benevolenza e incendiare altre coscienze, là dove trova rispondenza. (Enzio Savoini, Commento a Infinito parte 1^, § 147, Nuova Era, 2003)onde sonore

“Ch’una favilla sol de la tua gloria Possa lasciare a la futura gente” (4)

————————————————————-
(1)  Estratto da: Mondo del Fuoco II § 44, Collana Agni Yoga.

(2)  Estratto da: Cuore §1, Collana Agni Yoga.

(3)  Da scritti inediti di Enzio Savoini.

(4)  Estratto da: Paradiso, Canto 33, Dante A.

Taggato . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Una risposta a “Amate il futuro e vi cresceranno le ali”

  1. bianca dice:

    Spesso il termine “utopia” riferito al Futuro dell’Umanità è stato banalizzato o usato con un tono bonariamente ironico, per indicare la concezione di un governo e di una società di perfetti; si dice spesso di una concezione che aspira al Bello e al Vero che è “utopica” e che chi aspira alla fratellanza universale è “un utopista”.
    In realtà, è l’Utopia il motore della Storia e più volte,nel corso dei secoli, è accaduto che tali uomini, considerati “utopisti”, hanno fatto avanzare l’umanità d’un colpo, o più gradatamente, con una scoperta scientifica, una innovazione tecnica, una riforma sociale o religiosa, una nuova concezione filosofica o psicologica: Volontà di Bene, Intuizione preveggente e lavoro generoso hanno consentito la concretizzazione sul piano fisico dell’Utopia.

    Ad Essi, Fratelli maggiori, va la nostra Gratitudine; spetta a noi tutti l’impegno a fare della nostra Terra il mondo dell’Utopia realizzata.

    Evidenti gli sviluppi in tal senso, sebbene ancora iniziali:

    – la graduale osservanza, da parte degli uomini, della Legge dei retti rapporti, che conduce ad un sempre maggiore rispetto per la dignità della persona;
    – l’assiduo studio scientifico delle Leggi dell’Universo, che sempre più conferma gli antichi principi esoterici. Esso potrà segnare la fine della “fede dogmatica” dei confessionalismi, tipica delle trascorse età;
    – l’Empatia e la Comprensione amorevole come pratiche quotidiane di vita;
    – l’aspirazione all’Unità del genere umano, che va sostituendo i nazionalismi e che condurrà ad una Cittadinanza ed ad un Governo mondiali illuminati;
    – modalità di vita creative, improntate alla Gioia, alla Bene-volenza, all’Umorismo e alla Cooperazione, che toglieranno gradualmente forza e possibilità di espressione all’arroganza dell’individualismo;
    – azione di gruppo basata sul senso della Coerenza e della Sintesi, che sostituiranno l’utilitarismo, il conformismo e il consumismo oscurantisti dell’era appena conclusa.

    Queste aspirazioni, se perseguite da anime mature, porteranno l’umanità a vivere il processo evolutivo su di una spirale più alta.
    Sarà allora evidente che il Futuro evolutivo dell’uomo è quello di elevare progressivamente il proprio livello di coscienza, crescendo in Amore e Conoscenza, fino a riconoscersi “figlio di Dio”:

    …cercate innanzitutto il Regno dei Cieli e la Giustizia di Dio e tutto vi sarà dato in conseguenza.
    (Vangelo, Mt. 6, 34).

Lascia un commento