Direzioni di lavoro

Direzioni di lavoro

La struttura dell’Officina del Pensiero di TPS è stata articolata in sette Direzioni di lavoro primarie, dedotte dalla Legge settenaria che regola e ordina l’universo, il sistema solare, il pianeta, l’essere umano.

Da questo settenario principale scaturiscono altre 20 Direzioni di lavoro secondarie.

Questa struttura, che in prima istanza può apparire complessa, è flessibile e adattabile alle diverse esigenze, ai differenti “punti di vista” di ciascun utilizzatore che desideri “costruire il futuro” tenendo conto di due necessità inderogabili da acquisire e contemperare insieme con tutti i compagni di strada:

la capacità di moltiplicare le esecuzioni possibili

la capacità di ricondurre l’opera dei molti all’Uno.

La radice settenaria viene qui riconosciuta come quel Canone che permette l’infinita moltiplicazione regolare e armonica delle parti in conformità al Modello unitario dell’Uni-verso, liberando nell’Ordine e ordinando in libertà.

*

A supporto della ricerca e semina di TPS, si introducono anche 12 strumenti di lavoro.

(Vedi anche il video L’Ordinamento del sito TPS sul canale TPS di You Tube).

*

Direzioni di lavoro Primarie

Così come il suono, per manifestarsi, si scinde nei suoi sette intervalli fondamentali che ne ricompongono l’unità, e la luce una nei sette colori, ugualmente, ci dicono le tradizioni, la Vita fluisce nella manifestazione informando di sé sette centri, che si riverberano a cascata in centri minori.

Ogni entità vivente è dunque alimentata da sette centrali energetiche. Così è per lo Spazio infinito e dunque per ogni creatura in esso contenuta.

Insieme ci proponiamo di costruire una forma pensiero vivente, e dunque promotrice di evoluzione, che vada ad alimentare i centri che forniscono energia all’entità planetaria nella quale siamo chiamati ad operare: l’Umanità.

Per sintonizzarci quindi con la legge universale, inseriamo in questo spazio comune sette contenitori, che saranno nutriti dai nostri pensieri, e che chiamiamo Direzioni Principali. Le Direzioni Principali, per attrarre le energie vitali corrispondenti e per poter contenere in modo adeguato ciò che in essi affluisce, devono averne le stesse qualità energetiche.

La prima Direzione, che abbiamo chiamato Proposito, e la cui sostanza andiamo a definire insieme, ospita tutto ciò che ha a che fare con gli scopi e gli intenti generali, da cui discendono quelli particolari dell’impresa planetaria che intendiamo avviare. Qui immettiamo tutti gli impulsi che danno vita e volontà al nostro progetto.

La seconda Direzione è propriamente il Campo nel quale ogni cosa trova il suo sviluppo. È lo specchio di quell’origine femminile che è l’infinito Spazio sacro, di cui insieme esploriamo la natura, i moti, la struttura. È la sede delle sollecitazioni cardiache, dell’amore, ove la coscienza trova possibilità di sviluppo.

La terza Direzione, figlia dei primi due, è progettuale. È il Piano, il contenitore creativo e intelligente di tutti gli impulsi evolutivi e si allestisce alimentandolo con l’energia della luce. Qui si pensa al futuro, si immaginano gli sviluppi, si disegnano le possibilità evolutive, si intrecciano gli stimoli creativi: è la sede della gioia.

La quarta Direzione è il Modello. Qui convergono tutti i pensieri relativi ai principi, ai canoni, a ciò che è fondante per poter costruire in modo corretto e armonico, seguendo cioè le leggi celesti. È uno spazio decisivo per lo sviluppo dell’opera, ove la luce del progetto si specchia per mostrare i suoi colori e la sua bellezza inerente.

La quinta Direzione è il Cantiere. Il nostro proposito comune è quello di unire le forze per mettere le basi di un mondo nuovo, di una Nuova Cultura e Civiltà. Questo è veramente il contenitore della forza dei nostri pensieri. Diretti dal Proposito, accolti dal Campo, stimolati dal Piano, riflessi dal Modello, i pensieri si depositano in modo costruttivo nelle nostre menti ed il lavoro ha inizio, subito diramandosi negli ambiti principali del tessuto umano, nei quali immettere i semi del nuovo.

La sesta Direzione parla di noi, della Comunità degli operai, ed attrae le energie della Comunione, che è l’Essere, e riporta tutto e tutti all’Uno, annullando la prima e più radicata delle illusioni: quella della separatività. È la sede del Valore, che riunifica sotto un’unica bandiera la multiformità.

La settima Direzione si riferisce all’Ordinamento, a tutto ciò che fa delle parti distinte un’Unità, un unico organismo vivente. È il luogo in cui la comunità trova le sue regole, che sono celesti, e la libertà sa di essere ordinata. Qui spirito e sostanza si uniscono.

Marciando insieme su queste piste luminose, la nostra avanzata diviene sicura, e ciascuno potrà collaborare in modo ordinato e fruttuoso nell’ambito nel quale trova naturalmente la propria vocazione, nella consapevolezza di essere un tassello prezioso del disegno umano, planetario e solare.

In tal senso, per approfondire il processo che dall’Officina del Pensiero conduce alla costituzione di un Ordine planetario, TPS introduce ad una modalità operativa, basata sulla Legge settenaria, che permette la strutturazione armonica del lavoro del Gruppo umano secondo 49 Funzioni.

Per approfondire una Direzione Primaria, clicca sulla voce corrispondente:*

  1. Proposito
  2. Campo
  3. Piano
  4. Modello
  5. Manifestazione
  6. Comunità
  7. Ordinamento

Per accedere agli articoli e ai commenti relativi alle Direzioni di lavoro Primarie e Secondarie, clicca sulle caselle corrispondenti:


* I testi relativi alle sette Direzioni primarie sono per lo più estratti da scritti di Enzio Savoini.

I commenti sono chiusi